STORIA DI PEZZETTINO

di Leo Lionni

rielaborazione di Manuela Tamburin

scarica il copione

 

 

I PERSONAGGI SONO: PEZZETTINO, NARRATORI, SASSO, POZZANGHERA, MERLO E SIGNORA, RICCIO DI CASTAGNO, PEZZI DI VETRO, BAMBINO, MAMMA, PEZZI DI PUZZLE.

NARRATORE: C'ERA UNA VOLTA UN PICCOLO PEZZO DI PUZZLE DI CARTONE CHE ERA SCIVOLATO DIETRO UN FRIGORIFERO E CHE NESSUNO ERA RIUSCITO A TROVARE. ERA UN PEZZO DI PUZZLE MOLTO GRAZIOSO: AVEVA LA FORMA DI UN OMINO E PORTAVA SUL DORSO UN CURIOSO DISEGNO GIALLO, MARRONE, ROSSO E BIANCO. STAVA DA COSI' TANTO TEMPO DIETRO IL FRIGORIFERO CHE AVEVA DIMENTICATO COS'ERA. COSI' AVEVA DECISO DI CGHIAMARSI "PEZZETTINO". ERA CERTAMENTE IL PEZZETTODI QUALCOSA, MA DI CHE COSA? COSI' DECISE DI PARTIRE PER SCOPRIRLO. CON LE SUE GAMBETTE TONDE USCI' IN GIARDINO E COMINCIO' LA SUA RICERCA. LA PRIMA COSA IN CUI S'IMBATTE' FU GROSSO SASSO.

 

PEZZETTINO: SALVE!

SASSO: SALVE!

PEZZETTINO: FA FREDDINO, EH?

SASSO (con tono scostante): IO NON SENTO NIENTE!

PEZZETTINO: HAI VOGLIA DI FARE DUE PASSI?

SASSO: IO NON MI MUOVO MAI!

PEZZETTINO: VUOI DIRE CHE STAI SEMPRE LI'?

SASSO: ESATTO!

PEZZETTINO: PER CASO TI MANCA QUALCOSA?

SASSO: NO, UNA PIETRA E' UNA CREATURA PERFETTA, NON MANCA DI NIENTE .

PEZZETTINO: NEANCHE DI UN PEZZETTINO?

SASSO: VATTENE! IO NON HO BISOGNO DI NIENTE E DI NESSUNO.

NARRATORE: PEZZETTINO, IMPAURITO DAL SASSO, SI GIRO' E COMINCIO' A VAGARE PER IL GIARDINO. ARRIVO' SUL BORDO DI UNA POZZANGHERA. ERA UNA BELLA POZZANGHERA DI ACQUA SPORCA. DOVETE SAPERE CHE NEL REGNO DELLE POZZANGHERE, QUELLE D'ACQUA SPORCA SONO LE PIU' BELLE, PERCHE' RIESCONO A RIFLETTERE LE STELLE E LE NUVOLE, PERO' SONO MALEDUCATE E AMANO FARE SCHERZI AL PROSSIMO.

PEZZETTINO: BUONGIORNO!

POZZANGHERA: EHILA' SGORBIETTO, COME VA?

PEZZETTINO: SCUSAMI, SONO UN PEZZO DI TE?

POZZANGHERA (borbottando): UHM! PERCHE' NO? VIENI DENTRO CHE C'E' POSTO

PEZZETTINO (gridando): AH! CHE BELLO! SONO UN PEZZO DI POZZANGHERA (e si tuffa)

PEZZETTINO: AIUTO, AFFOGO! MI SENTO TUTTO MOLLE...NON RIESCO A STARE A GALLA, L'ACQUA MI PORTA VERSO IL BASSO E ANCHE IL DISEGNO MISTERIOSO CHE HO SUL DORSO COMINCIA A SVANIRE...SALVATEMI!!!!!

POZZANGHERA: POVERO ILLUSO! SEI SOLO UN PEZZO DI CARTONE, SGORBIETTO .

NARRATORE: MA UN MERLO, CHE STAVA FACENDO COLAZIONE NEL PRATO CON LA SUA SIGNORA, S'IETOSI' E CON IL LUNGO BECCO GIALLO PESCO' PEZZETTINO NELLA POZZANGHERA E LO STESE AD ASCIUGARE SOPRA UNA MARGHERITA . I RAGGI DEL SOLE ED UNA BREZZA DOLCE LO ASCIUGAR E PEZZETTINO FU BEN PRESTO IN GRADO DI RIPRENDERE LA SUA RICERCA. CAMMINA CAMMINA, ARRIVO' NEI PRESSI DIUNA FORMA TONDEGGIANTE, IRTA DI PUNTINE E CON UNA PICCOLA PORTICINA.

PEZZETTINO: COME TI CHIAMI?

RICCIO DI CASTAGNO: RICCIO DI CASTAGNO

PEZZETTINO: UN BEL NOME. PER CASO SONO UN TUO PEZZETTINO?

RICCIO DI CASTAGNO: MA CERTO! SENTIVO TANTO LA TUA MANCANZA! SONO SEMPRE SOLO QUAGGIU' E NON HO NESSUNO CON CUI GIOCARE

PEZZETTINO: CHE BELLO!SONO UN PEZZO DI RICCIO!

RICCIO DI CASTAGNO: DAI, ABBRACCIAMOCI. GIOCHIAMO INSIEME

PEZZETTINO (buttandosi verso il riccio): AHIA! PUNGI! HAI TANTE SPINE... ECCO PERCHE' NON HAI AMICI. SE RESTO CON TE DIVENTO UN COLINO . NON CREDO DI ESSERE UN TUO PEZZETTINO. CIAO!

NARRATORE: PEZZETTINO RIPRESE A VAGARE PER IL GIARDINO, QUANDO UNA SERIE DI LUCCICHII RICHIAMO' LA SUA ATTENZIONE. SI DIRESSE DA QUELLA PARTE E SI RITROVO' IN MEZZO A UN MUCCHIO DI PEZZI DI VETRO COLORATI, CHE SI DIVERTIVANO A GIOCARE CON I RAGGI SEL SOLE.

PEZZETTINO: EHI, AMICI!

PEZZI DI VETRO (tutti insieme senza fargli troppo caso): ciao!

PEZZETTINO: NON SONO PER CASO UN PEZZO DELLA VOSTRA BANDA?

PEZZO DI VETRO 1: PUO' DARSI

PEZZETTINO: ALLORA POSSO RESTARE?

PEZZO DI VETRO 2 : RESTA, DAI, VIENI A GIOCARE A PING-PONG CON I RAGGI DEL SOLE (iniziano a giocare)

PEZZI DI VETRO 1: MA SEI PROPRIO UNA SCHIAPPA!

PEZZETTINO (con tono triste): LO SO... LA MIA SUPERFICIE NON RIFLETTE UN BEL NIENTE ANCHE SE CI METTO TUTTA LA BUONA VOLONTA'... MI DISPIACE

PEZZO DI VETRO 2: ARRIVA RAGAZZI!

NARRATORE: A QUEL GRIDO, I PEZZI DI VETRO SMISERO IMMEDIATAMENTE DI GIOCARE E SI DISPOSERO IN MODO DA AVERE LA PARTE TAGLIENTE VERSO L'ALTO. PEZZETTINO SI ACCORSE DI NON AVERE NESSUNA PARTE TAGLIENTE E RIMASE LI' IN MEZZO A VEDERE COSA SUCCEDEVA.

PEZZO DI VETRO 1: UN PREMIO A CHI LO BUCA AL PRIMO COLPO!

PEZZETTINO: BUCARE COSA? AH! STA ARRIVANDO UNA BICICLETTA E VI SIETE DISPOSTI IN QUESTO MODO PER BUCARLE LE RUOTE, MA PERCHE'?

BAMBINO : MI DIVERTO UN MONDO A PEDALARE CON LA MIA BICICLETTA NUOVA...OH, MA CHE SUCCEDE?

(il bambino scende dalla bici con aria afflitta, guarda il pneumatico che si sgonfia rapidamente)

PEZZETTINO (gridando con tutte le sue forze): GUARDA CHE NON SONO STATO IO !

BAMBINO : GUARDA...NON CI POSSO CREDERE....SEI PROPRIO TU! (il bambino corre a casa dalla mamma)

BAMBINO: MAMMA, MAMMA, L'HOTROVATO! IL PEZZO DEL MIO PUZZLE...

NARRATORE : UN ISTANTE DOPO PEZZETTINO SI TROVO' ABBRACCIATO A TANTI PEZZETTI COME LUI E CON GIOIA CAPI' CHE LA SUA RICERCA ERA FINITA, ORA SAPEVA CHI ERA. ANCHE IL SUO DISEGNO SUL DORSO AVEVA UN SIGNIFICATO, INSIEME AI PICCOLI PEZZI DI PUZZLE, FORMAVA UN QUARTIERE BELLO CON LA CHIESA, LA SCUOLA E TANTA GENTE ALLEGRA.

PEZZI DI PUZZLE: BENVENUTO! TI ASPETTAVAMO...CI MANCAVI TANTO

PEZZETTINO (colmo di felicità): anche voi mi siete mancati tanto , fratellini miei!