LA GIORNATA DEL MARE


Farsa in musica per bambini di
Oreste De Santis

scarica il copione

ascolta parte dei brani musicali

 

Trama

Nell'Olimpo degli Dei, il Dio del mare  Nettuno è molto arrabbiato  con gli abitanti di un Paese  baciato dal mare: Pozzuoli. Gli abitanti del paese infatti lo tengono sporco  e non se ne curano troppo, i politici nemmeno a parlarne, così  Nettuno decide di  togliere il mare  da Pozzuoli per regalarlo alla città di Milano, ma  "Zebellone" (il suo segretario) tenta di fargli cambiare idea.

NEL REGNO DEGLI DEI, NETTUNO (scena fondo azzurro con trono centrale) SEDUTO SUL TRONO, STA PARLANDO COL SUO SERVITORE ZEBELLONE. E' MOLTO ARRABBIATO, HA I PIEDI IN UNA TINOZZA. IL BALLETTO “MARE CALMO” di Oreste de Santis,  APRE LA SCENA.
FINITO IL BALLETTO, DUE ANCELLE OGNI TANTO VERSANO L’ACQUA NELLA TINOZZA.

(Le battute in napoletano, sono state tradotte in Italiano (in grassetto tra parentesi) cosi come le canzoni, tuttavia se si tratta di bambini napoletani è preferibile cantarle in napoletano.)

NETTUNO/ (chiamando) ZEBELLONE, ZEBELLONE

ZEBELLONE/ (inchino) SI’ MIO SIGNORE NETTUNO, DIO DI TUTTI I MARI, DIMMI: SONO QUI PER SERVIRTI

NETTUNO/ ZEBELLO'  IO ME SO SCUCCIATO, MA CHISTE CHE SE SO' MISE NCAPA? QUA' LA SITUAZIONE NEI CAMPI FLEGREI VA SEMPE PEGGIO' …O' MARE FA SEMPE CHIU' SCHIFO..L'HAI  VISTE L'HAI VISTE? ( Zebellone io mi sono scocciato  ma questi che si sono messi in testa? Qua la situazione va sempre peggio, il mare fa sempre più schifo, l’hai visto, l’hai visto?)

ZEBELLONE/ E COME NON L'HO VISTO...MA CON QUESTI PUTEOLANI CE VO NU POCO E PACIENZA...DAMMECE NATU POCO E TIEMPO...PERCHE' IO LO SO, CHILLE O' VONNE BENE O' MARE (E come non l’ho visto ma con questi  puteolani  ci vuole un po’ di pazienza, diamoci un altro po’ di tempo, perché io lo so, quelli al mare ci vogliono bene)

NETTUNO/ E O' TIEMPO.MA QUALE TIEMPO'?..,  PRIMME STEVENE ACCUSI' BELLE, GLI HO DATO UN  MARE PULITO, LIMPIDO,  A MARE SE TRUVAVE  TUTTE COSE ...ERA CHINE E PISCE,  SARDE ALICE, PURPE , SAREGHE,  ZEBELLO' INVECE MO   A' MARE LO SAI CHE SE TROVE? (Eh il tempo, ma quale tempo? Prima stavano così bene, io gli ho dato un mare pulito, limpido, nel mare prima si trovava di  tutto, era pieno di pesci, sarde, alici, polipi, saraghi, Zebellone invece adesso lo sai che si trova in mare?)

ZEBELLONE/ E' MO' SE TROVENE, BATTERIE PE A' MACHINA, ROTE E SCORTE, BUSTE, PANNOLINE, BOTTIGLIE E PLASTICA…NU CUOFENE E (E adesso si trovano, batterie per la macchina, ruote di scorta, buste, pannolini, bottiglie  e plastica,  un sacco…)

NETTUNO/ NU CUOFENE E ' MUNNEZZE...DICIMME A VERITA',   CHISTE  PUTEOLANE O' MARE NUN O' PENSENE PROPRIO,  NON SE NE IMPORTANO,  IN POCHE PAROLE "NON CI TENGONO" E ALLORA  SAI CHE FACCIO? IO IL MARE GLIELO TOLGO  ,  O' LEVE  DA POZZUOLI  E  LO PORTO A  MILANO  (Un sacco di immondizia, diciamo la verità, questi puteolani al mare non ci pensano proprio, non se ne importano, in poche parole  non ci tengono, e allora lo sai che faccio?  Io il mare glielo tolgo, lo tolgo da Pozzuoli e lo porto a Milano)

ZEBELLONE/ NO, NO PADRONE ASPETTATE. LE COSE STANNO CAMBIANDO, TRA POCO A POZZUOLI CHIUDONO TUTTE LE FABBRICHE. SI’, SI’, FANNO  TUTTI ALBERGHI PER I TURISTI,  E PER FAR VENIRE I TURISTI IL MARE DEVE ESSERE PULITO NO?, SENNO’, CHI VIENE?

NETTUNO/  ZEBELLO', IO NON HO MAI CAPITO PERCHÈ CI TIENI TANTO A QUESTI FLEGREI, A QUESTI PUTEOLANI? (Le ancelle gli portano da bere e frutta)

ZEBELLONE/ È PERCHÈ  A POZZUOLI CE STANNE NU SACCHE  E BAMBINI  CHE O’ MARE, O’ VONNE BENE O' RISPETTANE, CA NUN VOTTENE E CARTE, E BUTTEGLIE E BUSTE E PLASTICA A MARE.   PADRO'' , IO CE TENGHE PE’ TUTTE STI CREATURE CHE NON HANNO COLPA …AVETE CAPITO? ( È perché a Pozzuoli  ci sono un sacco di bambini  che  al mare gli vogliono bene,  lo rispettano,  che non buttano le carte, le bottiglie  le buste di plastica nel mare, padrone io ci tengo per tutti questi bambini  che non hanno colpa , avete capito?)

NETTUNO/  (si alza) E VA BUO'  ZEBELLO'  TE VOGLIO FA CUNTENTE,  FACIMME NA COSA, DIAMOCI UN’ALTRA POSSIBILITA’, AVVISAMMME STI’ CREATURE , MANNAMMECE IL  DELFINO  AMILCARE E FACIMMECE SAPE' CHE IO ME SO' SFASTRIATE E CHE SE ALLORA CE TENENE ACCUSSI ASSAI PE O' MARE, ALLORA O' DIMOSTRASSENE. (E  va bene  Zebellone, ti voglio far contento, facciamo così,  diamo un’altra possibilità, avvisiamo questi  bambini,  mandiamo loro il delfino Amilcare e facciamo sapere che io mi sono scocciato e che se allora ci tengono molto al mare, allora, lo dimostrino.)

ZEBELLONE/   SI’, PADRONE SARA' FATTO…(inchinandosi)  GRAZIE, GRAZIE,

NETTUNO/ (mentre escono) E ADESSO ANDIAMO  IN SPAGNA, CHE' PILAR, IL CAVALLO MARINO  STAMATTINA MI HA RIFERITO CHE E’ AFFONDATA UN’ALTRA PETROLIERA,  ZEBELLONE,  A ME TUTTE QUESTE PETROLIERE CA VANNE ANNANZE E A DERETE NUN ME PIACENE PROPRIO(che vanno avanti e indietro non mi piacciono per niente)

ZEBELLONE/ AVETE RAGIONE (escono definitivamente)
Mentre le ancelle portano via il trono e tinozza, altre due entrano  e sistemano una scrivania con una sedia,  dal pubblico si sentono delle grida, “VULIMME O’ SINDACO, CHIAMMATE O’ SINDACO, dal pubblico escono tutti i bambini  almeno 5 muniti di cartelloni di protesta gridando tutti insieme" vulimme o sindaco, vulimme o' mare pulito.. o sindaco addo' sta? (Vogliamo il Sindaco, chiamate il Sindaco, vogliamo il mare pulito, il sindaco dove sta?)  Si sistemano ai lati del palco metà a destra e metà a sinistra ) nel mentre il segretario seduto alla scrivania finge di scrivere  poi arriva il sindaco.

SINDACO/ (entrando)  AH, CHE BELLA GIORNATA STAMATTINA! C’E’ UN SOLE BELLISSIMO, E INVECE DI STARE AL MARE,  IO DEVO STARE QUA  A LAVORARE. AH, CHE SI FA PER AMORE DI QUESTA CITTA’! (chiama) SEGRETARIO

SEGRETARIO/  (si alza) SI’, SINDACO

SINDACO/ AVANTI DITEMI CHE GUAI  DOBBIAMO RISOLVERE STAMATTINA

SEGRETARIO/  (molto agitato) SINDACO CI SONO 50 BAMBINI  NEL CORTILE DEL COMUNE CHE CHIEDONO DI VEDERVI

SINDACO/  50 BAMBINI ? 

SEGRETARIO/ NUN SARANNE 50 MA NE SONO PARECCHI E STANNE FACENNE NU SACCHE E BURDELLO (Non saranno 50 ma ne sono parecchi, e stanno facendo un sacco di chiasso)

SINDACO/ 50 BAMBINI ALLE 9 DI MATTINA MA NUN SO' GHIUTE A SCOLA? (50 bambini  alle 9 di mattina?  Ma non sono andati a scuola?)

SEGRETARIO/ NO, STAMMATINA NIENTE SCUOLA … STANNO SCIOPERANDO

SINDACO/ NON BASTAVANO I LAVORATORI MO (adesso) PURE I BAMBINI SI METTONO A SCIOPERARE? ANTO'  MI RENDO CONTO OGNI GIORNO DI PIU', CHE  IL MONDO STA CAMBIANDO

SEGRETARIO/  E' VERO SINDACO TENETE RAGIONE

SINDACO/ E QUEL CHE E' PEGGIO, E' CHE QUESTO CAMBIAMENTO MI  FA SEMPE PIU’ PAURA…

SEGRETARIO/  A CHI O' DICETE SINDACO. IO ME CACO SOTTO…, PARE SEMPE CA..  (gridato come se stesse arrivando qualcuno) "UILLOCO" (A chi lo dite  sindaco, io me la faccio sotto, sembra sempre che … (gridato)  ecco qua)

SINDACO/ ANTO' CHE E' STATO? (impaurito) ( Antonio che e’ successo?)

SEGRETARIO/ NIENTE…, DICEVO UILLOCO,  PARE SEMPE  CA DIMANE  CHISSA QUALE CATASTROFE DEVE SUCCEDERE  (Niente, dicevo solo ecco qua,  sembra sempre  che  domani chissa’ quale catastrofe  deve succedere)

SINDACO/ ANTO'  MA SI SCEME? M'HAI FATTE PIGLIA NA PAURA…(Antonio ma che sei scemo?  Mi hai fatto prendere un colpo)

BAMBINI/ (gridato)VOGLIAMO IL SINDACO, VOGLIAMO PARLARE COL SINDACO… SINDACO..SINDACO…SINDACO…

SINDACO/ MA VIDETE NU POCO SI CU TUTTE E PENSIERE E I PROBLEME  CA  TENE NU SINDACO… MO CE METTIMME A PERDERE O' TIEMPO CHE  E CREATURE( Ma guardate un po’ se con tutti pensieri e i problemi che ha un sindaco, adesso  dobbiamo perdere tempo con i bambini)

SEGRETARIO/ A' COLPA E D'E' GENITORI… NUN SAPENE MAI CHELLE CHE FANNE VERAMENTE E FIGLI, VIDITE MO' AD ESEMPIO? I GENITORI  PENSANE CHE  E CREATURE STANNE A SCOLA (La colpa e’ dei genitori  non sanno mai  quello che fanno veramente  i figli , vedete adesso ad esempio, loro pensano che stanno a scuola, e invece… )

SINDACO/  …E CHILLE INVECE STANNE TUTTE QUANTE CA  (…E quelli invece stanno tutti quanti qua.)

ANTONIO/ PRECISAMENTE

SINDACO/ …SIENTE ANTO'  ASCOLTAMI BENE …IO ME VACHE A PIGLIA' NU CAPPUCCINO E NA BRIOCHE' O'  BAR E GIGGINO.  STU FATTE SBRIGATELLE TU… E QUANDO SE NE SO GHIUTE FAMME NU SQUILLO NCOPPO O' CELLULARE. HAI CAPITO? (Antonio, ascoltami bene, io mi vado a prendere un cappuccino e una brioche  al bar di Gigi, questo problema sbroglialo tu e quando se ne sono andati  mi fai uno squillo sul cellulare  hai capito?)

SEGRETARIO/ STATE SENZA PENSIERO… IATEVE A MANGIA' A BRIOCHE. 5 MINUTI E LI MANDO VIA… E POI VI RAGGIUNGO  PUR'IO AL BAR ( State senza pensiero  andate a mangiare la brioche, cinque minuti e li mando via  e poi vi raggiungo al bar)

SINDACO/ BRAVO, TE STIPE NA BRIOCHE CAVERE PURE A TE (esce)  Bravo ti lascioo una brioche calda pure a te)

SEGRETARIO/ (inchinandosi gli bacia le mani) GRAZIE SINDACO, SEMPRE RICONOSCENTE  A VOI  E A TUTTO IL PARTITO

SINDACO/  E BASTA, NON SONO MICA PADRE PIO (esce)

BAMBINI/ (gridato due gruppi ai lati del palco uno a destra uno a sinistra) VULIMME O' SINDACO, VULIMME O' SINDACO ( Vogliamo il sindaco, vogliamo il sindaco)

SAEGRETARIO/ ( dal palco) BAMBINI… BAMBINI… DOLCI BAMBINI.  PER FAVORE, STATE CALMI

BAMBINO/ VOGLIAMO PARLARE COL SINDACO

SEGRETARIO/ CARI BAMBINI, VENITE DOMANI

BAMBINO/  E PERCHÈ DOBBIAMO VENIRE DOMANI?

SEGRETARIO/  PERCHÈ  IL SINDACO NON C'E'

 BAMBINA/  VULIMME PARLA' CU O’ SINDACO  (vogliamo parlare col sindaco)

SEGRETARIO/  E COME CI PARLATE SE QUELLO NON C'È ?

BAMBINA/ E ANDATE A CHIAMARLO PERCHÈ NOI  DA QUA…

TUTTI/ …NUN CE NE IAMMO  (non ce ne andiamo)

SEGRETARIO/  COME SAREBBE?

BAMBINA/ QUELLO CHE HO DETTO

TUTTI/ ADESSO AVETE SENTITO?

BAMBINA/ PERCHÈ SE NUN AVITE SENTUTE….  (perché  se non avete sentito)

TUTTI/ SPILATEVE E RECCHIE (sturatevi le orecchie)

SEGRETARIO/ UE' NUN FACITE E SCUSTUMATE  AVETE CAPITO ? (Non fate gli scostumati)  (in modo autoritario)  VI HO DETTO CHE IL SINDACO  NON C'È E  BASTA. QUELLO CHE DOVETE DIRE AL SINDACO LO POTETE DIRE A ME, IO SONO IL SUO SEGRETARIO, POI, COME VIENE IL SINDACO, RIFERISCO

BAMBINO/ (il piu' piccolo) QUELLO CHE TENIAMO DA DIRE LO DOBBIAMO DIRE  AL SINDACO IN PERSONA

SEGRETARIO/ MA CHE GLI DOVETE DIRE DI COSI' IMPORTANTE AL SINDACO SE PO SAPE'?  (Si può sapere?)

BAMBINO/ A VUI NUN VI PUTIMME DICERE NIENTE  (A voi non possiamo dirvi niente )

SEGRETARIO/ COME SAREBBE? ALLORA IO NO SONO NESSUNO?

BAMBINA/ PROPRIO COSI’, NOI PARLIAMO SOLO COL SINDACO

TUTTI/ È CHIARO?

SEGRETARIO/ E VA BENE  ADESSO PROVO A FARE UNA TELEFONATA…E VEDO SE LO TROVO, NEL FRATTEMPO  STATE CALMI E SOPRATTUTTO STATE ZITTI…

In disparte col cellulare il segretario finge di parlare a telefono..durante tutta la canzone i bambini lasciano i cartelloni giù dal palco, salgono sul palco e si dispongono per il balletto, due o tre  di lato, cantano la canzone

DANCE DANCE ( versione napoletana)
Testo e Musica  di Oreste De Santis
(se i bambini sono Napoletani è preferibile cantarla in napoletano)

CHIAMME O' SINDACO MUOVETE FA AMBRESSE
L'HAI CAPITO   NUI  NUN  IAMME E PRESSE
C' AVIMME DICERE  NA COSA SULE  A ISSE
CHIAMME O' SINDACO E PO CE  STAMME ZITTE
PERCHE'  NUI , NUI NUN GHIAMME E PRESSE
HAI SENTUTO   MUOVETE FA AMBRESSE
CHIAMMO O' SINDACO O' SAPIMME CA CE STA
STAI SICURO RIMANIMME CA

DANCE, DANCE, DANCE NUI NUN IAMME E PRESSE
DANCE  DANCE  DANCE MUOVETE FA AMBRESSE
DANCE, DANCE, DANCE NUI NUN IAMME E PRESSE
DANCE  DANCE  DANCE MUOVETE FA AMBRESSE
(musica)

SI NUN L'HAI SENTUTE O NUN L'HAI CAPITO BUONO SPILETE E RECCHIE
(coro)  SPILETE E RECCHIE
PERCHE’ NUI A CA NUN CE NE IAMME E STAMME CA  FINE A DIMANE
(coro) FINO A DIMANE
DIMANE, DIMANE, DIMANE

CHIAMME O' SINDACO MUOVETE FA AMBRESSE
L'HAI CAPITO   NUI  NUN  IAMME E PRESSE
C' AVIMME DICERE  NA COSA SULE  A ISSE
CHIAMME O' SINDACO E PO CE  STAMME ZITTE

DANCE, DANCE, DANCE NUI NUN IAMME E PRESSE
DANCE  DANCE  DANCE MUOVETE FA AMBRESSE
DANCE, DANCE, DANCE NUI NUN IAMME E PRESSE
DANCE  DANCE  DANCE MUOVETE FA AMBRESSE

SI NUN L' HAI SENTUTE O NUN L'HAI CAPITO BUONO SPILETE E RECCHIE
(coro)  SPILETE E RECCHIE
PERCHE NUI A CA NUN CE NE IAMME E STAMME CA)  FINE A DIMANE
(coro) FINO A DIMANE...DIMANE, DIMANE, DIMANE

DANCE, DANCE, DANCE NUI NUN IAMME E PRESSE
DANCE  DANCE  DANCE MUOVETE FA AMBRESSE
DANCE, DANCE, DANCE NUI NUN IAMME E PRESSE
DANCE  DANCE  DANCE MUOVETE FA AMBRESSE

(MUSICA)

DANCE, DANCE, DANCE NUI NUN IAMME E PRESSE
DANCE  DANCE  DANCE MUOVETE FA AMBRESSE

 

DANCE DANCE (versione italiana)
Testo e Musica di Oreste De Santis
(la versione in Italiano ha la stessa metrica musicale) 

CHIAMA IL SINDACO SBRIGATI FAI PRESTO
HAI CAPITO  COSA ABBIAMO DETTO
DOBBIAMO DIRE UNA COSA SOLO A LUI
CHIAMA IL SINDACO E POI ANDIAMO VIA
PERCHE’ NOI NON ABBIAMO FRETTA
HAI SENTITO SBRIGATI FAI PRESTO
CHIAMA IL SINDACO LO SAPPIAMO CHE CI STA
STAI SICURO RIMANIAMO QUA

DANCE DANCE DANCE  NON ABBIAMO FRETTA
DANCE DANCE DANCE SBRIGATI FAI PRESTO
DANCE DANCE DANCE  NON ABBIAMO FRETTA
DANCE DANCE DANCE SBRIGATI FAI PRESTO
(musica)


SE NON L’HAI SENTITO O NON L’HAI CAPITO BENE  STURA LE ORECCHIE
(coro) STURA LE ORECCHIE
PERCHE’ NOI DA QUI NON CE NE ANDIAMO  E STIAMO QUI FINO A DOMANI ,
(coro) FINO A DOMANI... DOMANI, DOMANI, DOMANI

CHIAMA IL SINDACO SBRIGATI FAI PRESTO
HAI CAPITO COSA ABBIAMO DETTO
DOBBIAMO DIRE UNA COSA SOLO A LUI
CHIAMA IL SINDACO E POI NOI ANDIAMO VIA

DANCE DANCE DANCE  NON ABBIAMO FRETTA
DANCE DANCE DANCE SBRIGATI FAI PRESTO
DANCE DANCE DANCE  NON ABBIAMO FRETTA
DANCE DANCE DANCE SBRIGATI FAI PRESTO

SE NON L’HAI SENTITO  O NON L’HAI CAPITO BENE STURA LE ORECCHIE
(coro) STURA LE ORECCHIE
PERCHE’ NOI DA QUA NON CE NE ANDIAMO  E STIAMO QUA FINO A DOMANI ,
(coro) FINO A DOMANI...DOMANI, DOMANI, DOMANI

DANCE DANCE DANCE  NON ABBIAMO FRETTA
DANCE DANCE DANCE SBRIGATI FAI PRESTO
DANCE DANCE DANCE  NON ABBIAMO FRETTA
DANCE DANCE DANCE SBRIGATI FAI PRESTO

(MUSICA)

DANCE DANCE DANCE  NON ABBIAMO FRETTA
DANCE DANCE DANCE SBRIGATI FAI PRESTO

 (dopo la canzone i bambini tutti seduti sul palco)

SEGRETARIO/ (chiama col cellulare) PRONTO SINDACO, SONO IO, ANTONIO… SINDACO, I BAMBINI NON SE NE VOGLIONO ANDARE… DICONO CHE VI DEVONO DIRE UNA COSA IMPORTANTE  SOLO A VOI… E GLIEL'HO DETTO… MA A ME NON VOGLIONO DIRE NIENTE… SI’, SI’, FINITE LA BRIOCHE... E POI VENITE,  NON VI PREOCCUPATE… QUELLI ASPETTANO… HANNO DETTO CHE SE NON PARLANO CON VOI  NON SE NE VANNO… NO, IO A BRIOCHE NON LA MANGIO… NON FA NIENTE M’ È PASSATA LA VOGLIA.. .SI’, VI ASPETTO, A TRA POCO.
(ai bambini) E VA BENE SIETE CONTENTI? IL  SINDACO HA DETTO CHE TRA CINQUE MINUTI VIENE QUA… ADESSO STATE CALMI CHE DEVO FARE UN'ALTRA  TELEFONATA

BAMBINO/ (alzandosi)  MA CHI E PAVE TUTTE STI TELEFONATE? (Ma chi le paga tutte queste telefonate?)

SEGRETARIO/ UE', SE NON MI FATE TELEFONARE, IL SINDACO NON VIENE. AVETE CAPITO?

BAMBINA/ TELEFONATE, TELEFONATE, NOI NEL FRATTEMPO CI MANGIAMMO UNA MERENDINA 

SEGRETARIO/  (se si vuole questa telefonata può essere sdoppiata facendo apparire anche la moglie al telefono)  BRAVI MANGIATE, MANGIATE, IL SINDACO LA BRIOCHE, I BAMBINI LA MERENDINA QUA MANGIANO TUTTI QUANTE SOLO IO NON MANGIO NIENTE… MA GUARDATE UN PO’ CHE MI TOCCA SUBIRE …  PRONTO TERESA
(sua moglie) NON E' SUCCESSO NIENTE. STAI CALMA… SOLO UN IMPREVISTO…TERESA, TI VOLEVO AVVISARE CHE QUESTA STAMMATINA LA SPESA NON LA POSSO FARE, E  MOLTO PROBABILMENTE NON VENGO NEMMENO A MANGIARE…  PERCHÉ STO BLOCCATO AL COMUNE E NON MI POSSO MUOVERE… COME? MI HAI PREPARATO IL CAPRICIONE? MANNAGGIA… MANNAGGIA. E VA' BE’ VORRA' DIRE CHE IL  CAPRICIONE ME LO MANGIO  UN’ALTRA VOLTA. CIAO… CIAO…

SINDACO/ (entrata centrale) ANTONIO' SONO ARRIVATO… ALLORA, CHE STA SUCCEDENDO STAMATTINA?

SEGRETARIO/ SINDACO MI DISPIACE, MA I BAMBINI NON HANNO VOLUTO SAPER RAGIONE… SPIACENTE MA QUESTA QUESTIONE VE LA DOVETE SBRIGARE VOI

SINDACO/ ME LA DEVO SBRIGARE IO? E A TE CHE TI TENGO A FARE? MA COME NON RIESCI NEMMENO A RISOLVERE UNA QUESTIONE CON I BAMBINI?

SEGRETARIO/ CHILLE HANNE FATTE NU SACCHE E BURDELLO... E POI NON VOGLIONO SENTIRE RAGIONI. (Quelli hanno fatto un sacco di chiasso e poi non vogliono sentir ragioni)

SINDACO/ VA BUO'… MO' STATTE ZITTE E ANNUNCIAMI (Va bene adesso stai  zitto e annunciami)

SEGRETARIO/  SI’, SI’ SUBITO… BAMBINI, E' CON GRANDE GIOIA E COMMOZIONE, CHE VI COMUNICO CHE OGGI, NONOSTANTE TUTTI GLI INNUMEROVOLI  IMPEGNI….

SINDACO/ ANTONIO STRINGI (nel senso di far presto)

SEGRETARIO/  VI COMUNICO CHE IL SINDACO È  FINALMENTE IN MEZZO A VOI… E TUTTI I VOSTRI PROBLEMI, I VOSTRI DOLORI  E LE VOSTRE PREOCCUPAZIONI, COME PER UN MIRACOLO, SPARIRANNO  DEL TUTTO

SINDACO/  (al pubblico) ANTONIO  IO NON SONO  PADRE PIO, COME TE LO DEVO DIRE… IO LO LICENZO A QUESTO  

SEGRETARIO/ (commosso) E QUINDI  È CON COMMOZIONE CHE  VI COMUNICO…

SINDACO/ ANTO' BASTA… (spingendolo) LIEVETE NU POCO A NANZE  E FAMME PARLA  … (Togliti da davanti e fai parlare me) DUNQUE BAMBINI, DITEMI  PURE, CHE COSA VOLETE DA ME?

BAMBINO/  VOI SIETE IL SINDACO DI  POZZUOLI?

SINDACO/  PO' O' MUMENTO SI(Per il momento si)  MA DOMANI NON SI SA, SAPETE LA POLITICA… COMUNQUE OGGI SONO IO IL SINDACO, IN COSA POSSO AIUTARVI?

BAMBINA/ ECCO… SINDACO, NOI SIAMO STATI AVVISATI CHE TRA POCO IL MARE DI POZZUOLI  SCOMPARIRA'

SINDACO/ (ironico) DAVVERO? UH, COME MI DISPIACE

ANTONIO/  PURE A ME

TUTTI/ A NOI DI PIÙ

BAMBINA/ DOBBIAMO ASSOLUTAMENTE FARE QUALCOSA AL PIÙ PRESTO

SINDACO/ E CERTAMENTE, ALLORA IO CHE CI STO A FARE QUA? CHE FACCIO A FARE IL SINDACO?

BAMBINA/ NOI IL MARE CE LO VOGLIAMO TENERE

BAMBINA/ SINDACO, NON LO VOGLIAMO PERDERE!

SINDACO/ E SI CAPISCE MA CHE STIAMO SCHERZANDO? POZZUOLI SENZA IL MARE… NON ME LO RIESCO PROPRIO A IMMAGINARE

ANTONIO/ NEMMENO IO, SINDACO

SINDACO/ (autoritario) TU STATTE ZITTE (Tu stai zitto)

BAMBINA/ E INVECE  IL MARE DA POZZUOLI SCOMPARIRA'  SE NON FACCIAMO SUBITO QUALCOSA

SINDACO/ MA BAMBINI SCUSATE,   DA CHI SIETE STATI AVVISATI? 

BAMBINA/  È STATO AMILCARE,  IL DELFINO

BAMBINA/  AMILCARE CI HA DETTO CHE NETTUNO, IL DIO DEL MARE, È MOLTO ARRABBIATO PERCHÈ DICE CHE IL  MARE A POZZUOLI  FA SCHIFO

BAMBINA/ E LA COLPA È  PURE DEI PUTEOLANI

SINDACO/ AH,  HO CAPITO. NETTUNO VI HA DETTO TUTTE QUESTE COSE

BAMBINA/ NO, CE L'HA DETTO AMILCARE IL DELFINO

SINDACO/ AH! SI’, SI’, M'ERO SCORDATO DEL DELFINO. E… SOLO QUESTO MI DOVETE DIRE?

BAMBINA/ SINDACO, DOBBIAMO FARE QUALCOSA PER DIMOSTRARE CHE NOI AL MARE VOGLIAMO BENE.

SINDACO/ MA È NATURALE CHE GLI VOGLIAMO BENE, MA CHE POSSIAMO FARE? VOI AVETE QUALCHE IDEA?

BAMBINA/  DOVETE NOMINARE UN RESPONSABILE DEL MARE, CHE UN GIORNO ALL'ANNO ORGANIZZI “LA GIORNATA DEL MARE”

BAMBINA/ E TUTTI I BAMBINI, LE MADRI, I PADRI…

BAMBINO/ OPERAI, STUDENTI…

BAMBINA/ ASSESSORI, DIRIGENTI  E IL SINDACO IN PRIMA FILA…

BAMBINA/ UN GIORNO ALL'ANNO, INSIEME A NOI,  VENGONO A PULIRE IL MARE

BAMBINO/ E LEVENE TUTTA A MUNNEZZE CHE CE STA. (E tolgono tutta l’immondizia che ci sta)

BAMBINA/ LATTINE DI COCACOLA…

BAMBINA/ BUSTE DI PLASTICA…

BAMBINA/ BUSTE DI LATTE, SACCHETE PA A MUNNEZZE E PANNULINE PE' CREATURE,  (Sacchetti per l’immondizia e pannolini per i bambini) E POI DOVETE FARE UN DISCORSO A TUTTA LA POPOLAZIONE, PER FARGLI CAPIRE CHE IL MARE È UN GROSSO REGALO

BAMBINA/ E NO NA DISCARICA E MUNNEZZE (E non la discarica dell’immondizia)

SINDACO/  AVETE RAGIONE… ANTO' , MA VERAMENTE  E' ACCUSSI SPUORCHE O' MARE NUOSTE? (Avete ragione… Antonio ma è veramente così sporco il nostro mare?)

SEGRETARIO/ SINDACO, IO VERAMENTE TENGO LA BARCA E IL BAGNO ME LO FACCIO SEMPRE LONTANO DALLA RIVA

SINDACO/  IO I BAGNI INVECE ME LI FACCIO IN SARDEGNA… E VA BENE. BAMBINI, DITEMI UNA COSA, MA SE QUESTA GIORNATA DEL MARE NON SI FA   CHE SUCCEDE? IL DELFINO CHE VI HA DETTO?

BAMBINA/ CI HA DETTO CHE NETTUNO TOGLIE IL MARE DA POZZUOLI

SINDACO/ AH, NETTUNO. È UN AMICO VOSTRO?

BAMBINA/ SINDACO, NETTUNO È IL DIO DEL MARE. QUELLO FA SUL SERIO, IL MARE LO TOGLIE DA POZZUOLI

SINDACO/ AH HO CAPITO. NETTUNO TOGLIE IL MARE DA POZZUOLI E TANTO PER SAPERE  (ironico)  DOVE LO PORTA?

BAMBINA/  LO PORTA A MILANO

SINDACO/ A MILANO?

BAMBINA/ SI’, SI’ A  MILANO

SINDACO/ (ridendo) SI’, SI’, MILANO COL  MARE. EH GIA', MILANO COL MARE: MI FA PROPRIO RIDERE

ANTONIO/ SINDACO, A ME STA STORIA PARE UNA BARZELLETTA (Sindaco, a me questa storia mi sembra una barzelletta)

SINDACO/ TU STAI ZITTO. MA CHI TI HA INTERROGATO? E VA BENE ADESSO CI PENSO UN POCO INSIEME AL SEGRETARIO E VEDIAMO CHE COSA POSSIAMO FARE …MI DOVETE DIRE QUALCHE ALTRA COSA?

BAMBINA/ SINDACO, IO  IL MARE NON LO VOGLIO PERDERE,  IO VOGLIO IL MARE

(il sindaco si apparta con il segretario e fingono di parlare, i bambini fanno un altro balletto)

VOGLIO O' MARE (versione napoletana)
Testo e musica di Oreste De Santis

VOGLIO O' MARE
TENGHE L'UOCCHIE LUCENTE SI PENSE
CHE STAI LUNTANA   
MARE SCURO, BRUGLIUSO, SCUNTRUSO, 
ME FAI PAURA
IO VOGLIO O MARE

GUARDO O' MARE
PE STA VIA CA NUN TENE CULORE IO CERCHE AMMORE
SENTE L'ONDE CHE SBATTE INTO O' CORE CHE FA RUMMORE
E ME SCETE DA STU SUONNE LUCENTE
IO SENZA TE NUN SO NIENTE
IO VOGLIO O' MARE
SENTE SEMPE L'ADDORE D'O' MARE SI STAI LUNTANE

RIT/ E SI L'AMMORE NUN E'
DIMME TU MO' CHE D'E' 
STU DULORE CHE SENTE D'INTO O' CORE  
CA NUN ME FA CHIU' CAMPA' 
NUN ME FA CHIU' SUNNA' 
IO VOGLIO O’ MARE

CHILL'O' MARE CHE SCORRE INTE E VENE  
SI CHIAMME AMMORE 

(MUSICA)

RIT/ E SI L'AMMORE NUN E'
DIMMI TU MO' CHE D'E'
STU DULORE CHE SENTE D'INTO O' CORE
CA NUN ME FA CHIU' CAMPA'
NUN ME FA CHIU' SUNNA'
IO VOGLIO O' MARE

SENTE SEMPE L'ADDORE D'O' MARE SI STAI LUNTANE
SENTE SEMPE L'ADDORE D'O' MARE SI STAI LUNTANE

VOGLIO O' MARE (versione Italiana stessa metrica musicale)
Testo e musica di Oreste De Santis
***
VOGLIO IL MARE 
TENGO GLI OCCHI LUCENTI SE PENSO
CHE STAI LONTANA
MARE SCURO,  AGITATO , SCONTROSO
MI FAI PAURA
IO VOGLIO IL MARE

GUARDO IL MARE
PER LA VIA CHE NON TIENE COLORE
IO CERCO AMORE
SENTO L’ONDA CHE SBATTE NEL CUORE
CHE FA RUMORE
E MI SVEGLIA DAL SONNO LUCENTE
SENZA TE NON SONO NIENTE
IO VOGLIO IL MARE
SENTO SEMPRE L’ODORE DEL MARE
SE STAI LONTANA

RIT/ E SE L’AMORE NON E’ DIMMI TU CHE COS’E’
IL DOLORE CHE SENTO DENTRO AL CUORE
CHE NON MI FA PIU’ CANTARE
NON MI FA’ PIU SOGNARE
IO VOGLIO IL MARE
QUESTO  MARE CHE MI SCORRE NEL CUORE  
SI CHIAMA AMORE 

( RIPETE IL RIT)

BAMBINA/  SINDACO, CHE  AVETE PENSATO DI FARE?

SINDACO/  CHE PENSO DI FARE ?

BAMBINA/ SINDACO, DOBBIAMO FARE ASSOLUTAMENTE QUALCOSA

SINDACO/ E' NORMALE… ANTONIO, CHE DOBBIAMO FARE?

SEGRETARIO/ SINDACO, NON TENGO PROPRIO IDEA

SINDACO/ (ad alta voce) QUESTO TRA POCO SARA' DISOCCUPATO (autoritario) ANTONIO!

SEGRETARIO/ SI’, DITEMI…

SINDACO/ PRENDI CARTA E PENNA

SEGRETARIO/ SUBITO

SINDACO/ QUANDO SEI PRONTO ME LO DICI

SEGRETARIO/ SONO PRONTO

SINDACO/ SCRIVI

SEGRETARIO/ E VUI PARLATE  (E voi parlate)

SINDACO/ (molto velocemente) OGGI 5 GIUGNO 2003, A POZZUOLI,  LOCALITA' IN PROVINCIA DI NAPOLI, 50 BAMBINI AFFERMANO CHE IL MARE SCOMPARIRA'. HAI SCRITTO?

SEGRETARIO/ SONO ARRIVATO A POZZUOLI, MA MI RICORDO. ANDATE AVANTI

SINDACO/ PERTANTO IO, CHE SONO IL SINDACO E IL PRINCIPALE RESPONSABILE DEL BENESSERE DI QUESTA CITTA', CHIEDO UMILMENTE A VOI  CHE SIETE  IL RE DEI BAMBINI DI SCONGIURARE QUESTO PERICOLO, IN MODO DA RENDERE FELICI TUTTI I BAMBINI FLEGREI, POICHÈ UN’EVENTUALE SCOMPARSA DEL MARE DALLA ZONA FLEGREA, E QUINDI DELLA SPIAGGIA, DEGLI OMBRELLONI

SEGRETARIO/ DELLE CABINE AL LIDO NAPOLI

SINDACO/ DELLE COZZE,

SEGRETARIO/ SPIGOLE, PURPE E TARATUFE (polipi e vongole)

SINDACO/ L'AVVERARSI DI QUESTA SCIAGURATA EVENTUALITA', RENDEREBBE TRISTI E PIANGENTI NON SOLI  I BAMBINI FLEGREI, MA VI GARANTISCO, PURE I GRANDI AVRANNO DI CHE PIANGERE SENZA A COZZE' CO O' LIMONE …( la cozza con il limone)  DICO BENE ANTONIO?

ANTONIO/ DITE BENE SI'. E COMME SE FA' SENZA A COZZE C'O LIMONE? ( e come si fa senza la cozza col limone?). CONTINUATE PURE SINDACO

SINDACO/ E QUINDI VI PREGHEREI DI INTERCEDERE PRESSO NETTUNO AFFINCHÈ QUESTA MALAUGURATA CALAMITA' NON AVVENGA. DISTINTI SALUTI ETC ETC… HAI SCRITTO TUTTO?

SEGRETARIO/ TUTTO PRECISAMENTE, CI MANCA SOLO L'INDIRIZZO. A CHI LA DOBBIAMO SPEDIRE?

SINDACO/ COME A CHI LA DOBBIAMO SPEDIRE? A BABBO NATALE. E A CHI SENNO’? E VOI BAMBINI PER NATALE, INVECE DI FARVI PORTARE I REGALI,  SCRIVETE LA STESSA COSA. E VI FACCIO VEDERE CHE IL MARE NON SCOMPARIRA' DA POZZUOLI.  SIAMO D'ACCORDO?

BAMBINO/ ( il piu' piccolo) SINDACO, IO L'ANNO SCORSO PER NATALE NON AVEVO CHIESTO NESSUN REGALO, VOLEVO SOLO CHE BABBO NATALE A MONTERUSCELLO DOVE ABITO IO, FACESSE UN PARCO GIOCHI GRATIS, DOVE MAMMA E PAPA' MIA LA DOMENICA MI POTEVANO PORTARE,

BAMBINA/ E MENTRE LORO PARLAVANO DELLE COSE DEI GRANDI… NOI GIOCAVAMO SULLO SCIVOLO E LA GIOSTRA INSIEME A TANTI ALTRI BAMBINI.

BAMBINA/ MA NATALE È VENUTO E IO NON HO AVUTO IL PARCO GIOCHI E NEMMENO IL REGALO

SINDACO/ AH,  QUESTO MI DISPIACE. MA ALLORA CHE VUOI DIRE ? CHE BABBO NATALE  NON LO SALVA IL MARE DI POZZUOLI?

BAMBINA/ BABBO NATALE NON PUO' CERTO FARE TUTTO LUI…

BAMBINA/ CERTE COSE LE DOVETE FARE VOI. SENNO' CHE VI CHIAMATE A FARE SINDACO?

SINDACO/ E GIA', VA BE'. MA ADESSO VI HO DATO SODDISFAZIONE, HO PARLATO  CON VOI, E NON VI PREOCCUPATE, CHE IL MARE DA POZZUOLI NON SE NE VA…E MILANO CONTINUERA' A RESTARE SENZA MARE, PAROLA DI SINDACO. ADESSO POTETE ANDARE

BAMBINA/ SINDACO, SE NON CI DITE LA DATA DELLA GIORNATA DEL MARE, NOI DA QUA NON CE NE ANDIAMO

SINDACO/ E DALLE…(al segretario) CHISTE CREATURE SO' CHIU OSTINATE D'E' GENITORE…(Uffa, questi bambini sono più ostinati dei genitori)

ANTONIO/ E VE L'HO DETTO CH'ERANO OSTINATI

SINDACO/ E VA BENE. DATEMI UN PO' DI TEMPO CHE MI CONSULTO  UN ATTIMO COL MIO SEGRETARIO

(finge di parlare con Antonio mentre inizia la  canzone con balletto)

VORREI

VORREI CHE IL MARE FOSSE PULITO
COSI' COME LO E' L'ANIMA MIA
CHE NON HA MACCHIE NERE DA LAVARE
MA SOLO SOGNI DA SOGNARE

 

VORREI CHE IL MONDO FOSSE PIU' SERENO
COSI COME LO E' LA VITA MIA
UN MONDO SENZA GUERRE E CARESTIE
SENZA MORTI PER LE VIE

VORREI , VORREI,
TANTE COSE IO VORREI
VORREI, VORREI  L'AMORE

VORREI L'AMORE CHE C'E' IN TUTTI GLI UOMINI
COME QUELLO CHE SENTO NEL CUORE MIO
CAMMINARE PER LE STRADE DEL MONDO
SENZA PAURA DI UN BRUTTO INCONTRO

PERCHE' E' L'AMORE CHE FA' BELLO GLI UOMINI
E' QUESTO  IL MONDO CHE CERCO E VOGLIO IO
SAREI CAPACE DI BERE ACQUA DI MARE
PER DARE A TUTTI UN PEZZO DI PANE

COSA C'E, COSA C'E, COSA C'E
SENTO FORTE DENTRO ME
UNA SENSAZIONE CHE MI ASSALE

PENSO CHE, PENSO CHE, FORSE E' SI CHE LO E'
SOLO VOGLIA DI GRIDARE
CHE VORREI VORREI TANTE COSE IO VORREI
VORREI VORREI L'AMORE

(musica)

COSA C'E, COSA C'E, COSA C'E
SENTO FORTE DENTRO ME
UNA SENSAZIONE CHE MI ASSALE

PENSO CHE, PENSO CHE, FORSE E' SI CHE LO E'
SOLO VOGLIA DI GRIDARE
CHE VORREI, VORREI TANTE COSE IO VORREI
VORREI VORREI PIU' DI TUTTO IO VORREI
VORREI, VORREI L'AMORE

SINDACO/ BAMBINI  HO DECISO: LA GIORNATA DEL MARE SI FARA'

SEGRETARIO/ VA BUO', SITE CUNTENTO?  DICITANCELLE A NETTUNO. (Va bene siete contenti? Ditelo a Nettuno)  IL SINDACO VI HA ASCOLTATO

BAMBINA/ E QUAL È LA DATA?

SINDACO/ FACCIAMO COSI: DECIDETELO VOI E POI ME  LO FATE SAPERE
SIAMO D'ACCORDO?

TUTTI/  (tutti lo abbracciano e lo baciano) VIVA IL SINDACO, VIVA IL SINDACO

SINDACO/ GRAZIE, GRAZIE, MA ADESSO BASTA, BASTA,  E ANDATE A CASA, CHE TENGO ALTRI PROBLEMI DA RISOLVERE 

BAMBINO/ SINDACO, IO VI VOLEVO DIRE UN'ULTIMA COSA

SINDACO/ DIMMI PURE  CHE C'È

BAMBINO/ SINDACO IO QUEST'ANNO GLI SCRIVO UN'ALTRA VOLTA  A BABBO NATALE

SINDACO/ MA CERTAMENTE TU LO DEVI SEMPRE SCRIVERE, SENNO' QUELLO SI PRENDE COLLERA. E CHE GLI SCRIVI?

BAMBINO/ CHE VOGLIO IL PARCO GIOCHI A MONTERUSCELLO. SINDACO DITE CHE  QUESTA VOLTA ME LO FA TROVARE?

SINDACO/ E NON LO SO, MA SAI CHE FACCIAMO? LO SCRIVO PURE IO A BABBO NATALE E TI FACCIO VEDERE CHE QUESTA VOLTA CE LO FA TROVARE  IL PARCO GIOCHI. SEI CONTENTO?

BAMBINO/ (gli dà un bacio ) GRAZIE SINDACO

TUTTI/ VIVA IL SINDACO, VIVA IL SINDACO ( escono tutti)

( FINE I PARTE)

 

II PARTE

(Nettuno seduto sul trono  sta ricevendo tutti gli emissari milanesi che informati della possibilità  di avere un mare tutto loro, sono venuti a portagli un sacco di doni e gli hanno offerto un meraviglioso balletto, Nettuno si sta gustando il balletto fatto in suo onore, al suo fianco il Sindaco di Milano, Nettuno tiene sempre i piedi in una tinozza d'acqua e come un imperatore romano, estasiato,  mangia della frutta)

( DOPO NETTUNO BALLET di Oreste de Santis)

(il discorso del Sindaco, volendo, puo’ essere anche diviso tra Sindaco e un paio di assessori)

Sindaco di Milano/ È PER NOI UN GRANDE ONORE NONCHÈ UN GRANDE PRIVILEGIO, CHE VOI, MAESTOSO NETTUNO, DIO DEL MARE, ABBIATE SCELTO LA NOSTRA CITTA' COME POSSIBILE META DI UN NUOVO MARE CHE TOLTO AI MISERI FLEGREI, INCAPACI DI TENERLO PULITO, DOPO CHE GLI ERA STATO DONATO PURO COME L'ACQUA, TANTO CHE SI POTEVA BERE, GIUNGERA' A MILANO, DOVE L'ANTICA E NOTA OPEROSITA' DEL POPOLO LOMBARDO LO FARA' TORNARE PULITO E LIMPIDO COME ERA IN ORIGINE.

NOI SIAMO ALTAMENTE ONORATI E PERTANTO, LASCIATECI DIMOSTRARE  IL NOSTRO INFINITO RICONOSCIMENTO, PER QUESTO GRANDE E IMMENSO  REGALO E DOPO IL BALLO… SI PORTINO I REGALI (è possibile far portare i regali dalle bambine facendole partire dal pubblico)

BAMBINA/  1000 MONETE D'ORO  DA PARTE DEL DUCA DI ARCORE

BAMBINA/  FUTURI SARAGHI, COZZE E TARATUFI PESCATI DAL FUTURO MARE DI MILANO EX POZZUOLI

BAMBINO/ FRUTTA, FUNGHI, POLENTA E TARTUFO, SPECIALITA'  DELLA BASSA BRIANZA

BAMBINA/ ERBE BALSAMICHE, PADANE DOC, PER I DOLORI DI TESTA E  I REUMATISMI

BAMBINA/  TELE PIU', STREAM, SKY E TUTTO IL CALCIO IN TV, IN UNICO PACCO

SINDACO DI MILANO/ E PER FINIRE TINOZZA D'ARGENTO CON PROPRIETA' TERAPEUTICHE  PER AMMORBIDIRE, SBRICIOLARE, E ALLA FINE FAR SPARIRE DEL TUTTO I GROSSI  CALLI  DAI PIEDI DEL GRANDE NETTUNO

NETTUNO/ AH, QUESTO E' VERAMENTE UN REGALO AZZECCATO, CI VOLEVA PROPRIO! QUESTI CALLI MI FANNO MALE PROPRIO ASSAI. SINDACO IO VI RINGRAZIO,  MA TUTTO QUESTO E' TROPPO, VI SIETE MOLTO SCOMODATO…

SINDACO/  AH NON LO DITE NEMMENO PER SCHERZARE. E SE VERAMENTE IL MARE DI POZZUOLI ARRIVERA' A MILANO, TUTTO QUESTO SUCCEDERA' OGNI ANNO, PAROLA DI SINDACO. ADESSO VI LASCIAMO AL VOSTRO GIUSTO E MERITATO RIPOSO, ASPETTEREMO CON ANSIA UNA VOSTRA CHIAMATA,

NETTUNO/ STATE TRANQUILLO, A POZZUOLI SONO SICURO CHE NESSUNO MUOVERA' UN DITO PER TENERSI IL MARE.  SINDACO,  CONSIDERATE IL MARE DI POZZUOLI   GIA' VOSTRO.

SINDACO DI MILANO/ GRAZIE (inchino ed esce)

NETTUNO/ ANCELLE PROVIAMO LA TINOZZA NUOVA. PRESTO, PRESTO…

ZEBELLONE/ (entrando con pergamena) PADRONE, PADRONE, GRANDI NOTIZIE. LEGGETE QUA

NETTUNO/  IO DEVO LEGGERE? ZEBELLO' LEGGI TU. MA VIDITE NU POCO  (Ma guarda un po’)

ZEBELLONE/ SI’, SI’ LEGGO IO. STONGO TUTTE EMOZIONATO (Sono tutto emozionato)  DUNQUE: IL GIORNO 5 DEL MESE DI GIUGNO  I BAMBINI DI POZZUOLI IN UNA RIUNIONE MOLTO AGITATA COL SINDACO DELLA CITTA' HANNO DI COMUNE ACCORDO DECISO DI INDIRE UNA VOLTA ALL'ANNO LA GIORNATA DEL MARE. AVETE SENTITO?

NETTUNO/ E CHE SO' SURDO (Ma che sono sordo?) E CERTAMENTE CHE HO SENTITO…HAI FINITO?

ZEBELLONE/ NO, NO. IL SINDACO DI POZZUOLI HA PROMESSO, CHE LUI STESSO IN PRIMA FILA E INSIEME A TUTTI GLI  ASSESSORI, I DIRIGENTI, OLTRE A TUTTI I CITTADINI, OPERAI E STUDENTI, E TUTTI I BAMBINI,  ARMATI DI SCOPA, SECCHI E TUTTO QUELLO CHE SERVE, PULIRANNO LE SPIAGGE E IL MARE DELLA ZONA FLEGREA. AVETE SENTITO. NON E' UNA GRANDE NOTIZIA " LA GIORNATA DEL MARE"?

NETTUNO/ FINALMENTE SI SONO DECISI

ZEBELLONE/ E IO VE L'AVEVO DETTO, I PUTEOLANI AL  MARE GLI VOGLIONO BENE. IL MARE DI POZZUOLI RESTA A POZZUOLI

NETTUNO/ SI’, SI’, VA BENE. INTANTO SE NON LI MINACCIAVO CHE SCOMPARIVA, CHISSA'….

ZEBELLONE/ PADRONE PERO' IL MERITO È STATO SOPRATTUTTO DEI BAMBINI CHE OSTINATAMENTE, SE SO MPUNTATE, (si sono impuntati)  E ALLA FINE HANNO OTTENUTO QUELLO CHE VOLEVANO…AH COMME SO' CUNTENTO (Ah come sono contento) IO LO SAPEVO, LO SAPEVO CHE CE L’AVREBBERO FATTA!

NETTUNO/ E VA BENE, CE L’HANNO FATTA, MA IO ADESSO AI MILANESI CHE GLI DICO? UFFA, QUESTO E’ UN BEL  PROBLEMA…(preoccupato) GUARDA QUA QUANTI REGALI M’HANNO PORTATO.  HANNO FATTO PURE UN BALLETTO IN MIO ONORE: UNA COSA MERAVIGLIOSA. ORA COME FACCIO A DIRGLI CHE IL MARE NON L'AVRANNO PIÙ?

ZEBELLONE/ MA PERCHÈ GLIEL’AVETE PROMESSO? IO VI AVEVO CHIESTO DI ASPETTARE UN ALTRO POCO

NETTUNO/ E IO INVECE ERO SICURO CHE A POZZUOLI, NISCIUNE (nessuno) SE NE IMPORTAVA  DEL MARE…SOLO CHE M'ERO SCORDATO DEI BAMBINI

ZEBELLONE/ E INVECE QUELLI CI SONO RIUSCITI, E ADESSO LI DOVETE PREMIARE.

NETTUNO/ E LO SO, E LO SO. HO CAPITO, MA  COME FACCIO ? COME FACCIO? AI   MILANESI CHE GLI DICO?

ZEBELLONE/ PADRO' IL MARE LO DOVETE LASCIARE A POZZUOLI

NETTUNO/ E HO CAPITO ZEBELLO',  MA TU DICI SEMPRE LA STESSA COSA?

ZEBELLONE/ MI DOVETE SCUSARE, MA SONO TROPPO EMOZIONATO

NETTUNO/ ZEBELLO' AI MILANESI  CHE REGALO GLI FACCIO?

ZEBELLONE/ A MILANO IL MARE NON C'E' MAI STATO

NETTUNO/ E APPUNTO. ERANO TUTTI CONTENTI. ADESSO  CHI LO SENTE IL SINDACO!? ZEBELLONE GLI DOBBIAMO FARE UN REGALO ALTRETTANTO IMPORTANTE, SENNO' SI PRENDONO COLLERA E NUN È GIUSTO, IO NON LO VOGLIO

ZEBELLONE/ E DATEGLI UN MARE PURE A LORO

NETTUNO/  AH ZEBELLONE MA CHE DICI? LO SAI BENISSIMO CHE IO SONO IL DIO  DI QUELLO CHE GIA' C'È,  POZZE MOVERE, POZZE SPUSTA' MA NUN POZZE CREA' NIENTE, (Posso muovere, posso spostare ma non posso creare niente)  QUESTO NON MI È CONCESSO, SENNO' LA TERRA ERA TUTTO MARE E GLI UOMINI TUTTI PESCI, E  A TE CARO  ZEBELLONE'  TI FACEVO PESCE DI SPADA.

ZEBELLONE/  PADRONE, BASTA CHE NON TOGLIAMO IL MARE DA POZZUOLI, POI SONO D'ACCORDO SU QUALSIASI DECISIONE PRENDERETE.

NETTUNO/ (pensa un po' va avanti indietro)  AGGIO TRUVATO (ho trovato) ZEBELLO'  HO TROVATO LA SOLUZIONE PENSO CA CHISTU REGALO E FA CUNTENTE O STESSO (Penso che questo regalo li farà contenti lo stesso)

ZEBELLONE/ E  DI CHE SI TRATTA?

NETTUNO/ LA NEBBIA, GLI TOLGO LA NEBBIA. ASCOLTAMI, (misterioso) COMME SAGLIE A NEBBIE, VOTTE O VIENTO (come sale la nebbia, butta il vento)

ZEBELLONE/  (come Nettuno) COMME VOTTE O' VIENTO, SE LEVE A NEBBIE (Come soffia il vento, si toglie la nebbia)

NETTUNO/ PURE CHISTE È NU BELLE REGALO, NO? TU CHE DICI? (Anche questo e’ un bel regalo, che dici?)

ZEBELLONE/ ALTRO CHE, MA SE VOLETE TOGLIERE LA NEBBIA DOVETE PARLARE CON EOLO, IL DIO DEI VENTI, E VEDERE SE VI FA QUESTO FAVORE.

NETTUNO/ ME LO FA, ME LO FA, GLI HO FATTO UN SACCO DI FAVORI. E SE NON LO VUOLE FARE, GLI REGALO LA TINOZZA D'ARGENTO, CA PURE ISSE TENE E PIEDE CHINE E CALLE (che anche lui ha i piedi pieni di calli) ZEBELLONE,  CHIAMAMI IL SINDACO DI MILANO AL TELEFONO

ZEBELLONE / SUBITO (fa il numero) ECCO QUA (gli passa il telefono o cellulare )

NETTUNO/ PRONTO SINDACO,  MI DISPIACE MA IL MARE DI POZZUOLI  NON VE LO POSSO DARE PIÙ. È SORTO UN PROBLEMA, MA VI FACCIO UN ALTRO REGALO, ALTRETTANTO IMPORTANTE. ASCOLTATEMI, VI TOLGO PER SEMPRE IL PROBLEMA DELLA NEBBIA, QUESTO GRANDE FASTIDIO DA DOMANI NON L'AVRETE PIÙ, SIETE CONTENTO?.... E IO LO SAPEVO. NON C’È DI CHE. PER IL MARE VEDIAMO PIÙ IN LA’, PERCHÈ SAPETE, MICA SOLO A POZZUOLI, O' MARE È SPORCO. E NEL MONDO AI VOGLIA DI MARI CHE SONO SPORCHI, E PRIMA O POI…. UN MARE PER MILANO USCIRA’ SICURAMENTE. ABBIATE FIDUCIA. ARRIVEDERCI

ZEBELLONE/ E ANCHE QUESTO PROBLEMA È RISOLTO

NETTUNO/ GIA'

ZEBELLONE/ COMUNQUE PADRO',  SI NUN ERE PE E  CREATURE, (se non era per i bambini) A QUEST'ORA A POZZUOLI IL MARE NON C'ERA PIÙ E AL SUO POSTO IN QUELL' ENORME SPAZIO VUOTO  SICURAMENTE C'ERANO…

NETTUNO/ PIZZERIE, RISTORANTI, SUPERMERCATI CON UN GRANDE PARCHEGGIO. ZEBELLONE A POZZUOLI  PENSENE  SULE A MAGNA'  (pensano solo a mangiare)

ZEBELLONE/  E ANCHE QUESTO È VERO

NETTUNO/  MA COMUNQUE CHESTE D'O MAGNA', È UNA COSA CHE NON MI RIGUARDA, ZEBELLO'.  ADESSO CHE TUTTO SI È RISOLTO E SISTEMATO O' TENGO PUR' IO NU DESIDERIO (Ma comunque questa questione del mangiare e’ una cosa che non mi riguarda, adesso Zebellone ho anch’io un desiderio)

ZEBELLONE/  TUTTO QUELLO CHE VOLETE. DOVETE SOLO PARLARE.

NETTUNO/ ZEBELLO' MA PER CONOSCERE QUESTI BAMBINI CHE HANNO SALVATO IL MARE DI POZZUOLI,  CHE DOBBIAMO FARE?

ZEBELLONE/ PADRONE MA NON DOVETE FARE NIENTE. I BAMBINI STANNO TUTTI QUANTI QUA. BAMBINI VENITE (entrano tutti i bambini parte la musica, tarantella finale tutti in scena )

NATU QUADRE
Testo e Musica di Oreste de Santis
( versione napoletana)
***
IO ME CHIAMME CUNCETTA E NUN TENGO RISPETTA
E TUTTA  STA GENTE , IMPOTENTE CA SE LAMENTE
NISCIUNE E' CUNTENTE
TUTTI  DICENE CA A’ PEZZULE  NUN CAGNA MAI NIENTE

(CORO) NUN CAGNA MAI NIENTE …NUN CAGNA MAI NIENTE

E INVECE IO GIA' PENSO CA CE VO' NU MUMENTO
SI NUN POPOLO O' VO VERAMENTE QUALCUNE CE SENTE
STU QUALCUNO E' IMPORTANTE
E' TUTTA CHELLA GENTE CH' E' SCUNTENTE

( RIT- CORALE)  VULIMME TUTTE BENE A STA CITTA'
PERCHE' NUI SIMME NATE TUTTE CA'
NUN E' VERO CA TENIMMO  SULO O' MARE
CU L'AMMORE TUTTE COSE PO' CAGNA'

NUI SIMME E CREATURE E STA CITTA'
E SIMME TUTTE PRONTE PA A' CAGNA
CU L'AZZURE E CHISTU O' MARE
C'O’ GIALLE E CHISTE SOLE
NATU QUADRO A STA CITTA'  VULIMME FA

(RIPETE IL RIT 2 VOLTE)

UN ALTRO QUADRO
Testo e Musica di Oreste de Santis
( versione Italiana con la stessa metrica musicale)

IO MI CHIAMO CONCETTA
E NON TENGO RISPETTO
DI TUTTA LA GENTE IMPOTENTE CHE SI LAMENTA
NESSUNO E’ CONTENTO
TUTTI DICONO CHE ORMAI QUI
NON CAMBIA MAI NIENTE
NON CAMBIA MAI NIENTE
NON CAMBIA MAI NIENTE

INVECE IO PENSO
CHE CI VUOLE UN MOMENTO
SE UN POPOLO DAVVERO LO VUOLE
QUALCUNO LO SENTE
E’ UN QUALCUNO IMPORTANTE
E’ TUTTA QUELLA GENTE CHE E’ SCONTENTA

RIT/  VOGLIAMO TUTTI BENE ALLA CITTA’
PERCHE’ NOI SIAMO NATI TUTTI QUA
NON E’ VERO CHE CI RESTA SOLO IL MARE
CON L’AMORE TUTTI E TUTTO PUO’ CAMBIARE

NOI SIAMO I BAMBINI DI  CITTA’
E SIAMO TUTTI PRONTI PER CAMBIARE
CON L’AZZURO DI QUESTO MARE
COL GIALLO DI QUESTO SOLE
UN ALTRO QUADRO  ALLA CITTA’
VOGLIAMO FAR

( RIPETE IL RIT)

(FINALE)

CON L’AZZURO DI QUESTO MARE
COL GIALLO DI QUESTO SOLE
UN ALTRO QUADRO  ALLA CITTA’
VOGLIAMO FAR

 

N.B puoi ascoltare pezzi di brani inseriti nel cd direttamente sul sito dell’autore, cliccando qui
se vuoi leggere altre opere dell’autore vai sul sito http://www.orestedesantis.com - orestedesantis@libero.it